Fallimento o insegnamento? L'altra faccia della stessa medaglia

Universo-nellirideDelusione, tristezza, incredulità e anche un po’ di rabbia… ecco quello che ho provato quando mi sono resa conto che alla serata di presentazione del film  di Thomas TorelliUn Altro Mondo” erano arrivati solo 38 ospiti più noi 15.

Da 10 mesi siamo sulle colline di Marano sul Panaro e da altrettanti ci stiamo muovendo per creare rete, per far conoscere la nostra realtà, per condividere con gli altri i nostri sentiti, ciò in cui crediamo, ciò che facciamo, lasciando aperte le porte del nostro casale e di noi stessi… mesi in cui le parole condivisione, collaborazione, solidale sono diventate sempre più il leitmotiv delle nostre giornate, la base del nostro progetto.

Guardare quella sala piena solo per un quarto mi ha fatto sentire sola, abbandonata, incompresa…  dove sono tutte le associazioni che riempiono statuti e bocca con valori che ci sono sembrati tanto simili ai nostri? Dove sono i conoscenti, i vicini di "casa”, quelli che sono venuti a trovarci pieni di sorrisi, abbracci e complimenti? Quelli che si sono sperticati in lodi e promesse di aiuto alla condivisione?

Quando le luci si sono spente sentivo il fallimento bruciare dentro, un senso doloroso di disillusione… poi la musica è partita e con lei le prime meravigliose immagini… e tutto dentro di me si è calmato come per incanto… mi sono fatta cullare, trasportare, mi sono affidata a quelle emozioni che sentivo (ri)nascere dentro di me e sono tornata al centro, il mio.

Brividi, lacrime, commozione, un profondo senso di comunione con tutto ciò che sono e che mi circonda… sono, di nuovo, presente a me stessa e posso lasciar andare dubbi, paure, collera e ritrovare gli altri… quelli che ci sono e anche quelli che non sono qui con noi…

“La maggior parte della gente o sta nel passato, nel ricordo, o sta nel futuro, pensando a quello che vorrebbe fare. Poca gente vive nel presente e il presente è l’unico tempo che abbiamo…” queste le parole di Alberto Ruz Buenfil che per prime mi toccano l’anima…

Tempo di VivereMi ripeto “Il presente è l’unico tempo che abbiamo” e non posso non pensare al nome che 5 anni fa io e Antonio abbiamo scelto per il nostro progetto di comunità intenzionale Tempo di Vivere… “Un nome che spacca”, mi ha detto l’amico Matteo Gelatti qualche giorno fa… già, eppure quante volte me ne dimentico, anche adesso che vivo ogni giorno nel sogno sognato per tanto, quanti attimi spreco nella paura del giudizio, nell’aspettativa, nel tentativo di dimostrare anziché di Essere per me stessa, nell’attenzione verso ciò che manca anziché verso ciò che ho…

A un certo punto del film arriva questa frase “In Lak’Ech: Io sono un altro Te”…

Io sono te nei tuoi errori, nella tua ombra, nella tua luminosità, io sono te assolutamente in tutto, sono un riflesso di te stesso”

Rainbow Eagle

Ecco, queste parole dovrei tatuarmele a fuoco sul cuore, perché troppo spesso mi dimentico di ciò che mi ha portato fino a qui, di quell’Amore verso me stessa, verso il mondo che mi accoglie, verso le persone che la vita mi ha messo accanto e che, pur nel male che a volte ci facciamo, fanno parte di me e mi permettono di crescere giorno dopo giorno, passo dopo passo.

Dice Vittorio Marchi nel film di Thomas: “Quando tu entri in sintonia con tutte le cose della creazione increata che noi chiamiamo Natura, tu sei quella, non ti senti più separato, sei in comunicazione…

Quando si ama, ma si ama in senso totale, in senso assoluto […] e rivedi in tutto te stesso, c’è proprio una corresponsione, e questa cosa rifiorisce… ed è vero il contrario, quando tu la detesti, la disprezzi e la odi, tu la uccidi… e allora esiste la morte.”

Penso al senso della mia esistenza, al nostro nome, alla Vita che amo, a ciò che voglio costruire per me, per i miei figli e, perché no, anche per gli altri…CON gli altri… e allora lo spazio si annulla, collassa su se stesso, mentre il Tempo prende forma e concretezza

dAL DUE ALL'UNOQuando passeremo dal due all’Uno, passeremo dalla chimica dell’odio alla chimica dell’amore.

Se tu ami, ami veramente, TU VIVI e FAI VIVERE [...]

[...] Il pensiero d’amore risolve il problema della sovrapposizione dei due opposti per cui non giudichi più, non condanni più, perché non c’è bisogno né di condannare né di assolvere, né di perdonare, né di non perdonare… non c’è bisogno di tutto questo, perché tu SEI questo e allora questa potenzialità ti dà una forza che è la più grande forza che si possa concepire al mondo, che può cambiare il mondo in un istante…

Vittorio Marchi

… ok, ora ci sono… non sarà semplice, non lo è mai, ma è quello che desidero, perché so che quando amo, quando non giudico, quando non mi aspetto nulla, solo allora riesco a godere appieno di ciò che sono io, di ciò che sono gli altri e di ciò che stiamo costruendo… al di là delle diversità, al di là dei diversi modi di porci, al di là del mio smisurato ego e del riconoscimento dall’esterno che continuo a cercare e di cui non sono mai paga, come se il mio Essere, i miei sforzi avessero un valore solo nel momento in cui vengono visti dagli altri… ma che senso ha tutto questo dal momento che io SONO gli altri e gli altri

SONO me??? Ecco… voglio ricordarmene  in ogni momento… cambiare a partire da me e per me, perché nel momento in cui amo ciò che sono, in cui accolgo i miei limiti, li riconosco, allora so di essere anche in grado di superarli, di migliorare, e il mio ulteriore passo verso l’amore per me stessa mi porterà più vicina all’amore per gli altri, per la Vita e per il meraviglioso percorso che la mia anima sta facendo su questa Terra, perché

Alla fine tre sole cose rimarranno quando tutto cadrà, e di queste tre cose la più importante è l’Amore, l’unica cosa reale in un mondo d’illusioni”

San Paolo

amare-l2527amore

… e dunque, Tutto è perfezione e non esiste fallimento, ma solo un insegnamento

Ok, credo di capire, di sentire… e guardandomi attorno in una sala che adesso vedo piena di anime meravigliose e affini, torna il sorriso e la voglia di continuare a costruire il Sogno.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Pin It

Pubblicato in Blog di Katia Prati

Tags: crescita personale, relazioni, cambiamento

Aggiungi commento




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Seguici anche via email

* campi obbligatori