Cronache dall'ecovillaggio

La prima cosa che mi viene in mente...

... pensando ai miei comunardi.

Katia ed ErmannoLa prima cosa che mi viene in mente pensando a Katia è la sorpresa.

Fatica ad abbracciare e manifestare l'affetto che prova, ma improvvisamente e senza prevviso, mi regala un gesto, un sorriso, un abbraccio, un'attenzione che mi arriva al cuore e mi fa presente quanto mi voglia bene e quanto ci tenga a me.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

In sinergia con Pacha Mama

Risveglio della primaveraCome passa veloce il Tempo!!! Fino a qualche giorno fa spalavamo neve e ora la primavera è alle porte.

Qui ogni mattina ci affacciamo su un mondo che non sembra mai lo stesso, la neve ha spezzato molti rami e fatto crollare alcuni cipressi e, al di là del dolore nel guardare quei tronchi feriti, ci stiamo abituando a una vista nuova che dona più luce al casale… è il ciclo naturale delle cose, nascita, vita e morte, in una giostra che si sussegue e che regala meraviglia in ogni sua fase… la magia della Sinergia con il mondo che ci sta accogliendo con tanto Amore e che ci fa da maestro in ogni istante.

La scelta di Vita che abbiamo fatto ci permette di seguire maggiormente i ritmi naturali e così anche per noi è giunto il momento di uscire dal torpore invernale e connetterci in modo diverso con la Natura che ci sta ospitando … e quale scelta migliore se non quella di creare un orto che ci permetta di continuare l’esplorazione di noi stessi tramite l’osservazione e lo scambio con la Terra?

Veniamo tutti dalla città e per la maggior parte di noi, finora, coltivare qualcosa ha solo significato avere qualche vaso di spezie sul balcone e prendersi cura delle nostre piante da appartamento.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Primo inverno al Casale....

panorama tempo di vivere

Wow, ha davvero nevicato stanotte! Non è fantastico? Tutto ciò che era familiare è scomparso e il mondo sembra nuovo di zecca! Un nuovo anno… un nuovo inizio! E’ come avere una gigantesca pagina bianca su cui disegnare. Un giorno pieno di possibilità! E’ come un magico mondo, Hobbes, vecchio amico mio… andiamo ad esplorarlo!"
Bill Watterson

Fine agosto 2014, siamo arrivati alla Bombanella da meno di un  mese, dal nostro poggio la vista si apre a 360° e mentre tutta Italia sta vivendo un’estate fredda e anomala, qui sembra di essere immersi in una bolla di bel tempo, fa caldo, ma non in maniera asfissiante e piove quel tanto che basta per rinfrescare l’aria e nutrire l’erba.
A cena con il proprietario di casa, gli parliamo estasiati di come ci sentiamo bene, di come sia entusiasmante uscire dalla porta la mattina e vedere colline verdi e il vecchio borgo di Denzano che ci saluta dalla montagnola di fronte… lui si guarda attorno e sospira: “… ma siete sicuri?!? Aspettate di passarci l’inverno qui e poi ne riparliamo…” . Non è la prima volta che le persone del posto ci mettono in guardia; andando a prenotare lo scuolabus per Pietro la signora dell’ufficio comunale sgrana gli occhi chiedendoci: “Scusate, ma voi sapete dove state andando ad abitare???”.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Seguici anche via email

* campi obbligatori