Cronache dall'ecovillaggio

Scollocamento Solidale: prima replica, tante differenze

corso di scollocamento solidale 7 8 marzo - 5Seconda edizione del corso base di Scollocamento: prima replica, tante differenze, nuove paure, qualche imprevisto e altrettante sorprese.

Noi di Tempo di Vivere siamo in tre in meno, Katia è via per un corso, Massimo e Silvia, amici che ci avevano aiutato la volta scorsa, questo week end sono via, abbiamo con noi i due bambini da seguire e una decina di persone in arrivo. Ciò che ci occupa maggiormente la testa è il pensiero di Isotta, due anni, per la prima volta la mamma è via per due giorni, notte compresa … io e Simona saremo impegnate con il gruppo di lavoro e … tre uomini soli … Ce la faremo?

corso di scollocamento solidale 7 8 marzo - 10Alle 8.30, precise, sono già arrivati quasi tutti i corsisti, la maggior parte uomini!

Ecco il perché di tanta puntualità!

Bella giornata, sole stupendo, caldo e una brezza di vento che ci accompagna, alle 9 precise si inizia.

La prima novità è la partecipazione dei nostri comunardi che, la scorsa volta, si sono sentiti esclusi. Il loro desiderio è quello di vivere gli ospiti più da vicino, non solo di essere un supporto, essenziale sì, ma silente!

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Leggi tutto

La prima cosa che mi viene in mente...

... pensando ai miei comunardi.

Katia ed ErmannoLa prima cosa che mi viene in mente pensando a Katia è la sorpresa.

Fatica ad abbracciare e manifestare l'affetto che prova, ma improvvisamente e senza prevviso, mi regala un gesto, un sorriso, un abbraccio, un'attenzione che mi arriva al cuore e mi fa presente quanto mi voglia bene e quanto ci tenga a me.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Leggi tutto

In sinergia con Pacha Mama

Risveglio della primaveraCome passa veloce il Tempo!!! Fino a qualche giorno fa spalavamo neve e ora la primavera è alle porte.

Qui ogni mattina ci affacciamo su un mondo che non sembra mai lo stesso, la neve ha spezzato molti rami e fatto crollare alcuni cipressi e, al di là del dolore nel guardare quei tronchi feriti, ci stiamo abituando a una vista nuova che dona più luce al casale… è il ciclo naturale delle cose, nascita, vita e morte, in una giostra che si sussegue e che regala meraviglia in ogni sua fase… la magia della Sinergia con il mondo che ci sta accogliendo con tanto Amore e che ci fa da maestro in ogni istante.

La scelta di Vita che abbiamo fatto ci permette di seguire maggiormente i ritmi naturali e così anche per noi è giunto il momento di uscire dal torpore invernale e connetterci in modo diverso con la Natura che ci sta ospitando … e quale scelta migliore se non quella di creare un orto che ci permetta di continuare l’esplorazione di noi stessi tramite l’osservazione e lo scambio con la Terra?

Veniamo tutti dalla città e per la maggior parte di noi, finora, coltivare qualcosa ha solo significato avere qualche vaso di spezie sul balcone e prendersi cura delle nostre piante da appartamento.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Leggi tutto

Ultimi commenti

Katia
1 mese 13 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile Ciao Andrea, contatta Riccardo al 348 7830445, è lui che ...

Andrea
1 mese 13 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile

guido
6 mesi 10 giorni

Ti ho conosciuta a TdV tempo fa e ci siamo...scontrati. Succede. Credo di essermi scontrato con quel ...

Seguici anche via email

* campi obbligatori