Chi è...Gabriella

gabriellaCiao, sono Gabriella, ho 57 anni, divorziata, due figlie grandi e nonna. Milanese di nascita, Emiliana di adozione.

Avevo un buon lavoro, nell’azienda di famiglia, soldi in abbondanza, un marito, una famiglia, tanti amici, una bella casa, avrei dovuto essere felice, ma ero insoddisfatta...

L’inizio del mio viaggio

Il Primo passo verso la definizione e, in seguito, il raggiungimento dei miei obiettivi:

Capire ciò che conta veramente, cosa voglio per me e dalla mia vita.

Dopo tanti anni di grande metropoli, ho scelto una miglior qualità di vita, lontana dal caos, dal vuoto dei rapporti, dall’indifferenza, alla ricerca di una vita vissuta nella sua pienezza, attraverso il contatto con la natura, la gente e L’AMORE … per la vita, per me stessa e per gli altri.

Una strada in salita, sicuramente non facile, un’esperienza personale di dolore, di perdita, di delusione, di fallimento, di solitudine, di paura, di sofferenza, di rimpianto, il dover ricominciare dopo un divorzio, le difficoltà di comprensione e di rapporto con le figlie, il senso di vuoto, dopo fallimenti lavorativi e conseguenti crolli economici, sommersa dai debiti, situazioni che mi hanno fatto sentire incapace, e “persa” … “terremoti” della vita …

… guardando e imparando dagli errori, riuscendo ad andare avanti, sempre nel tentativo di costruirmi una vita migliore e soddisfacente … attraverso un cambiamento di “visione” della vita …

Se vuoi contattarmi

« Convalido l'iscrizione di questo blog al servizio Paperblog sotto lo pseudonimo gabriella_o ».

Il Secondo passo

La crescita

Vari percorsi di crescita personale alla ricerca di risposte a tante domande:

“Che cosa mi manca? Di che cosa ho bisogno? Perché mi sento “diversa”, sola in mezzo alla gente? Perché questa continua insoddisfazione? Perché nessuno mi capisce? Amo, riamata ma, prima o poi, tutto finisce e io … nuovamente sola … piena di dubbi e paure, perché?”

E iniziano ad arrivare le risposte: nuovi dolori, senso di smarrimento, di perdita, di vuoto, la sensazione di “essere trasparente”, inutile e incapace, di aver sbagliato tutto, di non aver nulla da salvare di ciò che avevo fatto, un cumulo di errori e fallimenti, l’allontanamento di persone che credevo vicine e finalmente …

Il Terzo passo

La consapevolezza e la rinascita.

ho deciso di trasformare la mia personale esperienza in professione.

L’inizio di un'attività lavorativa che "mi rappresentasse", cioè che fosse basata sulle mie passioni, sulle mie inclinazioni naturali e sui miei punti di forza, partendo dalla mia esperienza personale.

Volevo qualcosa che mi facesse crescere costantemente e lavorare in un ambiente con valori forti e profondi … e ho studiato per diventare Mediatore familiare, Life-Coach, Love-Coach, Counselor Relazionale, Formatrice, Personal Trainer dell’Amore e delle Relazioni, esperta di relazioni interpersonali e dipendenze affettive e di Crescita Personale, Trainer “MCR” (Metodo di Cambiamento Rapido), Counselor Trainer

Il sogno

E … un giorno ho fatto un sogno: “Guidavo un grosso camper, dipinto con immagini dai colori brillanti che trasmettono gioia di vivere: il cielo azzurro, è primavera, il sole splendente e le nuvole bianche, ovattate, prati verdi, ravvivati da fiori stupendi, profumati, alberi pieni di frutti, altri robusti, carichi di foglie che si muovono al soffio della brezza mattutina, con tronchi piegati dal vento a disegnare figure di gente, fiumi e torrenti dalle acque limpide e fresche, in lontananza il mare, azzurro e profondo, colline verdeggianti e montagne ancora leggermente imbiancate dalla neve dell’inverno appena trascorso, bambini che giocano, corrono felici nella libertà di essere bambini e persone che chiacchierano, ridono, si tengono per mano, coppie, giovani e attempate, che si baciano, trasmettono gioia, amore e felicità e poi … grandi scritte … Il Camion dell’Amore … “ e … ho capito il perché, il messaggio, il senso della mia vita e

Il Mio Obbiettivo

Diventare un punto di riferimento per chi sente il bisogno di confrontarsi, conoscersi e crescere individualmente e nelle relazioni e nell’amore. Creare un ambiente non giudicante, atto all’ascolto e all’accoglienza, alla comprensione e alla riscoperta delle potenzialità dell’individuo, alla trasformazione del problema in risorsa e … ci sono riuscita.

 

Perché purtroppo in famiglia, a scuola e all'università ci insegnano a parlare, a scrivere, a leggere, a fare di conto, la geografia, la storia ecc. ma non ci insegnano come comunicare in modo efficace così da evitare litigi e malintesi, come gestire, superare e trasformare i problemi con serenità, tenacia e determinazione, come comprendere, definire, e raggiungere i nostri obiettivi, come sprigionare energia e vitalità, come gestire al meglio il tempo, come far uscire il meglio da noi stessi e dagli altri, come lavorare con motivazione, come rafforzare la nostra autostima, come raggiungere benessere e felicità, ma non ci sono Scuole per imparare a Vivere, ad Amare, a Fare i genitori, le mogli, i mariti, i compagni, gli amici, perché si dà per scontato che tutti sappiamo, istintivamente, come si fa a vivere, ad amare e a crescere i figli, a relazionarci con gli altri, ad accettare e a comunicare noi stessi e gli altri.

Grazie alle coppie, tante, che aiuto perché riescano a superare i momenti di crisi del loro rapporto. Lavorando con loro affinché il conflitto diventi un’occasione di crescita che possa condurre alla consapevolezza dei bisogni individuali e della coppia, con l’obiettivo è di arrivare alla ri-definizione di un percorso comune per vivere una vita soddisfacente in coppia o giungere ad una separazione che non sia solo un danno reciproco …

Grazie alle persone che aiuto, tanti uomini e donne sane che vivono momenti di difficoltà e disagio, attraverso il lavoro di Counselor che “aiuta le persone ad aiutarsi”, con interventi volti a riscoprire le proprie risorse, ad aiutare ad attivare le potenzialità che ognuno ha già dentro di sé, al fine di superare in modo costruttivo i problemi che la vita ci elargisce abbondantemente e non darsi mai per vinti …

Attraverso anni di lavoro di counseling, facilitazione e mediazione a “uomini,donne e gruppi” che sono alla ricerca di un aiuto per il miglioramento della qualità della loro vita, che cercano la strada per andare verso il proprio star bene, (benessere) guardando alle loro esperienze, ogni volta uniche …

(segue, Il quarto passo: l'incontro con Jorgos, Mirela e Antonio)

{smooth-scroll-top}

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Pin It

Pubblicato in Blog di Gabriella Oliva

Commenti   

0 # giannigarraffa 2011-08-31 16:07
Mi sento molto vicino al xcorso di gabriella,x vie diverse sento di essere arrivato alla stessa stazione,mi piacerebbe avere l'opportunita di uno scambio ravvicinato.A presto spero.Ciao gianni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Seguici anche via email

* campi obbligatori