Andrea ha scelto di andarsene da Tempo di Vivere

AddioSono stati giorni intensi per noi, giorni di domande, di dolore, e, infine, di saluti...
Vivere in un ecovillaggio, in una comune come la nostra, significa lavorare ogni momento sul "lasciare andare", abitudini, comportamenti, pensieri disfunzionali o dannosi e… persone, sempre nel rispetto delle scelte e della libertà altrui. A volte è più facile, altre meno, come in questo caso: Andrea ha deciso di continuare il suo percorso lontano da qui, lontano da noi, senza di noi!

Senso di mancanza e tranquillità.

Se ami una persona, lasciala libera di andare, libera di scegliere la sua strada, quella migliore per lei! Forse pensi che non sia quella giusta, forse che sia quella più difficile! Smettila di proteggerla, dimostra che hai fiducia in lei, che credi nelle sue capacità e... se tornerà... anche lei vive nell'amore!!!

Ciao Andrea, ti ho trattenuto troppo a lungo, forse per egoismo, forse per paura (per me, per te) o per delirio di onnipotenza... avrei voluto capire prima... o forse comprendevo ma non accettavo ciò che vedevo e sentivo!
Corri, Andrea, cammina nella tua vita e, solo quando credi ti siano utili, ricorda i nostri dialoghi, i mille confronti…


Da quel lunedì, lunghi attimi di silenzio ci circondano, pensieri che riempiono momenti di solitudine voluta, tanto difficile da trovare in una comunità come la nostra, pensieri… che cercano spiegazioni, errori, scuse e giustificazioni!
Il mio dialogo interno è fatto di parole a volte spietate, accusatorie e giudicanti, di una moltitudine di immagini che scorrono, come in un film, che raccontano un anno di vita insieme.
“Cosa è successo? Perché?  Come è possibile, Gabriella, come hai potuto dimenticare, nel tuo fare, nella tua vita, nel tuo ruolo qui a Tempo di Vivere, le cose che insegni da tempo?”

Ho voglia soprattutto di onestà… con me stessa, per conoscermi di più, per imparare, per far sì che questi momenti di dolore e di dubbio diventino forza ed esperienza per continuare il cammino che ho scelto, per dare rinnovata energia alla mia vita!
Per troppo tempo ho assunto il ruolo di mamma, alle volte buona e accogliente, altre cattiva, in alcuni momenti stimolante, in altri iper-protettiva… ma Andrea ha 38 anni e io non sono la sua mamma!

Come dico spesso alle mamme che mi chiedono aiuto,
“Lasciate volare liberi i vostri cuccioli, mostrate loro la vostra fiducia, ne hanno bisogno per credere in loro stessi, lasciateli cadere, si rialzeranno, accogliete il loro dolore e permettete loro di esprimersi, con i loro tempi …”

Durante le serate che tengo rivolte ai genitori c’è una slide che dice:
“Spesso i bambini sbagliano poco perché interveniamo, subito prima che commettano l’errore! Questo è un grande errore! Gli sbagli devono essere fatti, non devono essere solo fatti notare da altri! Solo così i piccoli potranno davvero imparare”

E un’altra:
“L’approvazione di mamma e papà aiuta certo a rafforzare l’autostima dei bambini, ma niente la fortifica come lo scoprire di essere capaci di fare da soli. Doniamo ai bambini la possibilità di fare esperienze, non solo di ascoltare belle parole!”


solocomeuncaneOk Andrea, hai scelto di proseguire il tuo cammino in solitaria, di confrontarti, da solo, con le tue difficoltà, con le tue paure, di capire se la Vision di Tempo di Vivere è anche la tua… vai! con dolore… ti auguro ogni bene!

Man mano che i giorni passano, il dolore va scemando.
Qualcuno, durante una serata di presentazione del progetto di Tempo di Vivere, mi chiede come mai Andrea è andato via, la mia risposta è serena: “Andrea ha fatto la sua scelta, vuole iniziare a camminare con le sue gambe, da solo!”

Come mai, in così poco tempo, i miei stati d’animo sono così diversi?
Sperimentare un nuovo modo di vivere la vita è un percorso fatto di scelte, spesso difficili e impegnative, sicuramente arricchenti e appaganti. L’impegno da mettere in campo, è alto, ma ciò che alla fine si ottiene è però inestimabile! Perché quel premio è la piena padronanza della nostra vita, è il piacere di sentirla nostra, autentica, saldamente nelle nostre mani e pronta per essere coccolata e indirizzata dove più ci piacerà.

Molte persone sono terrorizzate di fronte all’idea di cambiare qualcosa nella loro vita perchè non sanno come affrontare una nuova fase di apprendimento e temono di commettere errori. A questo punto preferiscono che le cose continuino ad andare come prima e si rinchiudono nel detto: “meglio un male conosciuto che il buono ancora da conoscere”.

Non esiste posizione più immobile di questa.

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”
Gandhi

Qualcuno vuole invece farlo, si impegna nel cambiamento di se stesso, delle sue abitudini, dei suoi pensieri, delle sue reazioni e dei suoi modi di relazionarsi, per creare relazioni (con se stesso e con gli altri) finalmente sane, oneste e durature. In questo cammino tortuoso e in salita, spesso cade, ma sceglie, volta dopo volta, caduta dopo caduta, ancora e ancora, di rialzarsi e riprendere il cammino, ammaccato forse, ma passo dopo passo, sempre più sicuro di sé e felice.

tumblr n2ct07gTip1qzw8bco1 500Qualcun altro considera tutto ciò, troppo faticoso! La libertà di scelta, la libertà di assumersi la responsabilità della propria vita e della propria felicità è ciò che, molto spesso, fa più paura! La strada in salita è sicuramente più impegnativa, più lenta e faticosa!
La strada in discesa può sembrare la più facile, quella più veloce!
Ma, se cadi, in discesa, rotoli giù, giù, sempre più giù… è difficile fermarsi.

Quando cadi, mentre sali, sicuramente fa male, ma puoi rialzarti e riprendere il cammino con nuova consapevolezza (e esperienza); quando poi, attorno a te, hai persone che ti sostengono, che ti amano, che ti incoraggiano e credono in te, addirittura più di quanto non faccia tu stesso, allora … tutto diventa più semplice!

VolpeUvaJPGStancarsi, arrendersi di fronte alle difficoltà, mollare, piangere su se stessi dicendo “non ci riesco, non sono capace, non capisco, è troppo difficile per me, lo faccio per non essere di peso!”, mentire a se stessi e agli altri, utilizzando pillole di saggezza, per poi ritornare nella centrifuga, continuare a fare ciò che si è sempre fatto, a ripetere gli stessi errori, o come nella favola di Esopo “la volpe e l’uva” dire “è troppo acerba”  è come impedirsi di vivere nuove opportunità!

Tempo di Vivere si impegna per essere un ambiente facilitante, in cui si accolgono le diversità, si comprendono le difficoltà, si accettano le cadute e gli errori, che si trasformano in esperienza.
Andrea spesso mi chiedeva, di fronte a cadute ripetute di altri comunardi “ma fino a quando, quante volte possiamo accettare che una persona sbagli?
La mia risposta era sempre la stessa: “fino a quando avvengono dei passi avanti, anche piccolissimi, finchè ci sono dei cambiamenti, anche se, quasi impecettibili, fino a che c’è la volontà di camminare, insieme, verso il proprio miglioramento che è anche quello del gruppo, perché, finchè puntiamo a migliorare noi stessi saremo anche in grado, diventando persone migliori, di aiutare le persone attorno a noi. E lo faremo semplicemente essendo noi stessi, portando il nostro esempio di quanto un essere umano può fare, quando vuole fare.
Oppure fino a che qualcuno non rinuncia a camminare e a impegnarsi in questo ambiente protetto, scegliendo di auto-eliminarsi, per paura o perché non è in linea con il progetto!


Andrea ha scelto la sua strada, quella che pensa sia la migliore per lui e… chi sono io, chi siamo noi, per impedirglielo, pur non condividendo le sue scelte?

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

messaggio globale  italiano

dino
Grazie per questa condivisione molto sentita e introspettiva, capisco molto la perplessità espressa da alcuni di voi ma appena si esce da tutto questo il disegno diventa chiaro e le risposte arrivano dalla vita stessa; spero presto di venirvi a trovare; cordialmente Dino, ciaoooo

Ultimi commenti

Katia
1 mese 10 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile Ciao Andrea, contatta Riccardo al 348 7830445, è lui che ...

Andrea
1 mese 11 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile

guido
6 mesi 8 giorni

Ti ho conosciuta a TdV tempo fa e ci siamo...scontrati. Succede. Credo di essermi scontrato con quel ...

Seguici anche via email

* campi obbligatori