Cupola Geodetica, Sezioni Auree, Geometria Sacra

ecovillaggio-tempodivivere-cupola-geodetica300x241

La Cupola della felicità e il suo significato GEODETICA:

è fondamentale capire che questa parola inizia con Geo, che significa « terra, globo terrestre, superficie terrestre ». Identifica archi di cerchio massimo sulla superficie sferica della terra, quindi ... l'equatore o i meridiani.

La Cupola Geodetica in Bambù che abbiamo costruito all'Ecovillaggio TempoDiVivere è vicina alle forme della terra e alla natura delle geometrie sacre.

Fonte: amoredivino.it
... Dall’altro estremo dello spettro scientifico nella scienza contemporanea, viene recuperata una antica scienza. Per ere è stata preservata con cura. E’ più o meno una forma d’arte ed è chiamata “geometria sacra”.
Perché sacra, cosa c’è di così sacro nella geometria? Nelle scuole misteriche spirituali del passato si insegnava che la geometria è stata usata da Dio per creare l’Universo. Ora sappiamo che la geometria sacra contiene molti elementi misteriosi che descrivono elegantemente molti fenomeni come la crescita delle piante, le proporzioni del corpo umano, l’orbita dei pianeti, la luce, la struttura dei cristalli, la musica. La lista continua a lungo. Faremo alcuni esempi in questo capitolo ...
... La scienza sta scoprendo gli schemi geometrici e frattali descritti in geometria sacra, nel nostro universo fisico, nei campi elettromagnetici e gravitazionali della Terra, nella struttura dell’atomo e dei campi energetici del corpo umano ...


Per chi volesse approfondire: Geometria Sacra, simboli e significati

fiore della vitaGeodetica non è solo misure, forme, progetto, calcoli, materiali, giunti reciproci, Leonardo da Vinci ecc... io, come tutti gli altri comunardi dell'Ecovillaggio abbiamo voluto dare una impronta più profonda che parte dalle relazioni tra esseri umani, fissate in partenza nel suo nascere fino all'esplosione di energie finali nate nei 3 giorni di evento. Si è parlato molto tra noi di energie e d'intenti reciproci, dei nostri sogni e bisogni. Si è mangiato benissimo (complimenti al cuoco Ermanno!!!), in piedi o sotto un albero con piatto in mano o su tavoli di emergenza, non era importante questo, era bellissimo in quei momenti, come quelle immagini bucoliche da bifolchi, come se fossimo agricoltori col pranzo al sacco fatto di cacio, vino e pagnotta, in mezzo alla campagna a conversare con gli sguardi tra il sudore delle reciproche fatiche.
Una cartolina preziosissima, in bianco e nero ricolorata e luminosa, molto utile di questi tempi di disgregazione di valori sociali e solidali. In mezzo al sudore ogni imperfezione è diventata NECESSARIA al nostro scoprirci uniti e solidali. Ogni decisione presa era rapida e all'unisono, tutti elastici nel pensare e nel fare, come fragili fronde che prendono le folate di vento, mai resistenti ma flessibili.
Ecco il senso che voglio dare al giunto reciproco, oltre al suo aspetto utile architettonico; "reciprocità tra le persone"!

salotto-cupola-geodetica-320x213Questo evento è stato solo un pretesto per accrescere un'altra forma di energia, quella delle relazioni tra persone di forte volontà e determinazione, pronte ad imparare una materia sconosciuta, nuova e affascinante, motivate alla realizzazione di un'opera d'arte della natura scientifica. Abbiamo fatto scienza del design, come la definisce l'Arch. Biagio Di Carlo, il docente che ci ha seguito minuziosamente nella costruzione teorica e pratica. Un personaggio stregato da queste figure, famoso per le sue competenze/passioni, musicante e propositore di atmosfere musicali, bozzettista e sognatore, semplice e di grande umanità e comprensione per gli altri.

 

Come nasce l'idea

E pensare che ... nella mia idea iniziale, avevo solo il problema di come costruire una legnaia. Dopo lunghe ricerche fatte sul web, niente viene a caso qua in TempoDiVivere, sono arrivato a conoscere questo tipo di costruzione e anche Biagio.
Era una chiamata dell'Universo Energetico a cui ho risposto ed è scattata in me l'idea del "fare locale e pensare globale"!
Così ho scelto di fare anch'io a mia volta una chiamata all'Universo e sono passato a chiamare intensamente anime ricche di energie speciali. Hanno risposto in diciassette. Il primo che è stato proprio Biagio, un tipo in gambissima che si è messo a chattare con me per notti intere, descrivendo le meraviglie di queste strutture geodetiche e,soprattutto, del Bambù. Abbiamo deciso di organizzare un corso qui da noi; abbiamo creato un evento unico, esclusivo e speciale. In molti si sono mossi da tutte le parti d'Italia per cooperare alla realizzazione di un sogno collettivo, sotto il sole infuocato a 35° ed oltre, in questo Luglio 2015. giradino-cupola-geodetica
Ognuno di loro ha portato il proprio sogno, lo ha condiviso con gli altri, mentre gomito a gomito si creava la prima e unica Cupola Geodetica in Italia di diametro 10mt e alta 4mt con questo particolare tipo di giunto. I più forti aiutavano i più deboli. I dubbiosi si adagiavano ai suggerimenti di altri. Gli stanchi si rilassavano, a momenti, davanti ai lavoratori più stacanovisti, gli osservatori restavano stupiti dall'evoluzione delle forme, i traduttori spiegavano in Inglese alla dolce Viki arrivata dalla Germania, mentre Odessa, una cagnolotta nera come la fuliggine, dormiva sotto ai tavoli e i nostri bambini giocosi erano tra noi... in uno strano mix di ginnasti e collaudatori ...
Ogni sogno, ogni passione, ogni parola, ogni abbraccio alle canne e alle persone si sono fusi in una struttura che ha del magico, ha quell'energia particolare che tutte le sezioni auree hanno.
Non sono certo io a dirlo, è lei stessa che adesso svetta sulla terra grezza dove si è appoggiata in attesa di vivere la quotidianità con noi dell'Ecovillaggio. La renderemo viva e vissuta, la riempiremo di energia nelle sperimentazioni delle conoscenze.

cupola Tempo di VivereAdesso che ce l'hai dimmi che ci fai...

Nei miei pensieri immagino dentro di lei, in quel suo corpo armonioso, sferico fatto di triangoli, pentagoni ed esagoni, con quel suo profumo di Bambù, come in un marsupio, come in un ovulo, come in un nido ... tanti spazi di vita condivisa:
# uno per la legnaia, accatastata in un arco di cerchio alto un paio di metri
# uno per un tavolo lavoro con attrezzi per il "fai da te"
# uno per l'altalena dei bambini
# un arco per tavolo e sedie in stile "berceau"
# tanti archi dedicati al verde con fiori e piantine in crescita in stile serra, anche arrampicanti sempre verdi
# un centro con dell'acqua e piante acquatiche e fontanelle
# caldo d'inverno e fresco d'estate
Alla Cupola sto lasciando il suo tempo di vivere, anche lei ne ha bisogno, è appena nata, ha bisogna di ambientarsi, di entrare in contatto con l'ambiente circostante, anche con noi che ci viviamo, ha bisogno di capire cosa vuole come copertura, forse a seconda delle stagioni o forse fissa e rigida per sempre, ancora non lo so, non lo sappiamo ... inizierà una nuova sperimentazione, da una progettazione condivisa tra comunardi dell'Ecovillaggio e tra amici/ospiti che passeranno di qua o dalla rete web

Per adesso ci penso solo a momenti ... la certezza che ho è che mi sento molto felice, perché il mio sogno sta diventando il sogno di molti!
 
Un abbraccio cuore a cuore a tutti coloro che hanno donato il loro sudore, un bacio a voi, che avete portato le vostre energie meravigliose e le avete racchiuse dentro la Cupola TempoDiVivere.
 

"Perché fare da soli quello che si può fare in tanti?"

Questa è la risposta!!!

antonio-cupola-geodeticavictoria-cupola-geodetica

Costruzione in gruppoGiunto reciproco

Racconta Mario:
Mario pazzo per la cupolaFino a qualche giorno fa eravamo circondati dalle canne di bambù di tante misure, da smistare e preparare, e mentre facevo questo lavoro cercavo d'immaginare la loro collocazione nello spazio fino a diventare quella cupola che tante volte avevo guardato su youtube.In qualche modo  ci riuscivo ma... quello che non avrei mai potuto immaginare è stata la sinergia che si è venuta a creare fra
tante persone cosi diverse ed eterogenee come quelle che sono venute ad imparare a costruire la NOSTRA cupola geodetica con
i giunti reciproci di Leonardo (si proprio quel Leonardo!), persone arrivate letteralmente da ogni parte d'Italia persino dalla Campania, che non è proprio dietro l'angolo rispetto a Modena. Persone che si sono sistemate con le tende dimostrando un grande  spirito d'adattamentomenti e braccia che si sono unite per perseguire un obiettivo comune, senza giudizi o pregiudizi, persone che spontaneamente simettono a giocare con i bambini senza bisogno di regole o indicazioni, i più forti che si facevano carico delle situazioni più stancanti lasciando agli altri i compiti più leggeri, ma non di minore importanza.
Ci sarà sicuramente qualcuno che a leggere queste righe sorriderà facendo spallucce come se queste fossero delle ovvietà..
a queste persona risponderei pregandola di fermarsi in questo momento a guardare il mondo intorno a sé per verificare se quello che succede qui quasi ogni giorno è una condizione così facilmente riscontrabile nella società a cui, ahimé, ci siamo adattati a vivere.Abbiamo lavorato veramente tanto e sotto un sole cocente tanto da entrare in aula (l'ex stalla, ora "sala dei tapppeti) quando non si resisteva più all'esterno. Lo scambio di contatti e di saperi ha passato ogni immaginazione, sembrava di essere costantemente in un world cafè, dovunque vedevi gruppetti di persone che si scambiavano indicazioni... ascoltando frammenti di conversazione si passava dalla terapia cranio-sacrale (vibrazionale, non ho ben capito) alla costruzione di una cupola in legno piuttosto che in alluminio, dalla creazione di una food forest allo studio di coperture adeguate, estive e invernali, alla creazione di  un ricircolo di acqua per dinamizzare il nostro laghetto quasi morto e via così....Più partecipo a questi eventi in gruppo e più si radica in me la certezza che la strada migliore per creare una nuova realtà, un nuovo modo di vivere è quella di permettere a tutti di seguire i loro talenti in assoluta libertà, ovviamente, nel rispetto dell'altro.
 
Vi aspetto tutti, per un grande abbraccio sotto la Cupola Geodetica di TempoDiVivere, che io chiamo la Bambùina ico smile

Continua a leggere il precedente articolo ... Fuller e le Cupole Geodetiche

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Autocostruzione ed Energie Rinnovabili

Aggiungi commento

Accetto il trattamento dei dati


Seguici anche via email

* campi obbligatori