E poi succede che..

lanaCapitano settimane in cui le cose da fare sono tantissime e molti di noi vivono la sensazione di non fermarsi un attimo, che il tempo scorre più veloce del dovuto, che pur nella consapevolezza di aver fatto molto, resta sempre qualcosa indietro che impegna la testa, che ci manca un attimo solo per noi, per un libro, una passeggiata, una coccola in silenzio o una condivisione profonda di emozioni.

A volte, in questi momenti, anche raccontare cosa facciamo sembra un po’ riduttivo e scrivere un “redazionale” per la newsletter ci impegna a lungo, per trovare una riflessione che ci accomuni come gruppo e che, allo stesso tempo, possa essere interessante per voi che ci seguite con affetto e curiosità.

E poi succede che..

organizziamo un paio di weekend come quelli appena trascorsi e – anche inaspettatamente - di cose da raccontare, riflessioni, attimi di pura intensità emotiva ce ne sono un milione e non si sa nemmeno da dove cominciare per descriverli e sperare di riuscire a passare anche solo un briciolo di ciò che abbiamo provato.

 

forno base in sugheroLo scorso weekend abbiamo costruito il nostro forno comunitario in terra cruda. Un gruppo di amici, vecchi e nuovi, ci hanno raggiunto per un workshop che – in pieno stile Tempo di Vivere – è stato assolutamente senza regole! La mattina del primo giorno avevamo già abbondantemente sforato gli orari previsti, presi dalle chiacchiere, dalle condivisioni, dalle idee di ogni membro del “corso”.  Le giornate si sono trasformate in un laboratorio a cielo aperto, fatto di risate, silenzi concentrati, piedi e mani che lavoravano (o giocavano?) con l’argilla, bimbi che partecipavano alla costruzione con impegno e adulti che sembravano tornati bambini.

 

 

mandala in lanaE attorno ai “costruttori”, famiglia e amici, a sostegno: chi ci ha preparato il pasto, chi ci ha insegnato la realizzazione di mandala in lana, chi si è messo a disposizione con l’allegria e la gioia di una giornata insieme. La condivisione, la collaborazione, l’aiuto reciproco sono stati i capisaldi di quest’esperienza e ognuno ha contribuito a rendere magico e pieno d’amore questo progetto.


Se vi va, QUI trovate le riflessioni di chi ha partecipato.

 

locandina Unaltromondo Modena 14 giugno  WebAlla sera della domenica, ancora pieni di quella stessa energia, tutti in pista per la proiezione del DocuFilm Un altro mondo” di Thomas Torelli. Non credo di essere in grado di esprimere a parole quanto questo film e il successivo scambio emotivo e intellettuale con Thomas e gli spettatori in sala mi hanno trasmesso. E ancor di più mi ha dato alzarmi la mattina successiva e trovare i miei comunardi tutti seduti sotto gli alberi, immersi nella stessa emozione, nella stessa voglia di condividere e partecipare l’uno ai pensieri dell’altro.

La sera prima sono arrivata in sala delusa e amareggiata dalla poca affluenza, da quella che consideravo una mancanza di attenzione e collaborazione da parte del territorio, che sottovalutava l’importanza della solidarietà e della partecipazione.

Il film, le testimonianze, le immagini e anche la musica, mi hanno riconnesso con quello in cui credo più profondamente, mi hanno permesso di trasformare la rabbia e la frustrazione per lasciare emergere il calore, l’amore, l’orgoglio, la gratitudine. Mi sono sentita in pace con me stessa, con le persone che ho scelto come compagni di vita, perché ho rinnovato la consapevolezza di essere sulla strada giusta e di fare quello che davvero desidero per questo mondo che ci ospita e che ci vede tutti connessi.

Non vorrei aggiungere altro perché il progetto di Thomas merita sostegno e quindi l’unica cosa che mi sento di dirvi è: guardate il film e contribuite e divulgarlo.

un altro mondo-thomas torelliComprate i Dvd o andate alle proiezioni che vengono organizzate in tutta Italia (se volete e siete di zona, abbiamo anche noi qualche copia da vendere). E quando l’avrete visto, sarebbe un grande piacere scambiarci le reciproche riflessioni.
Anche in questo caso, se vi va, QUI trovate altre nostre testimonianze su questa serata.

E sull’onda di questa armonia, ecco un altro w.e. alle porte. Un fine settimana in cui abbiamo dovuto rimandare un corso già programmato e ci siamo ritrovati con poche altre iniziative..

 

 

E poi succede che…

Ci chiama Michele La Paglia e sceglie di trascorrere un paio di giorni qui con noi.

MICHELELAPAGLIADi Michele c’è scritto molto su questo sito (cercate con il suo nome e troverete diverse informazioni).
Non possiamo però non riportare l’intensità di ogni attimo in cui le sue mani hanno tamburellato su qualunque cosa avesse accanto. Dall’hang drum, a una sedia, alle spalle di uno di noi. Vibrazioni e ritmo, contatto ed emozioni, silenzi e ascolto. E’ stato un weekend all’insegna del gruppo, dell’unione a un livello più sottile, di intuizioni e profondità.

Alla sera di sabato, per festeggiare l’arrivo dell’estate, tutti in cerchio attorno al falò, sotto le stelle e con tanti strumenti, compresa una chitarra che si è trasformata sotto le mani calde sia di Michele, sia di Davide (un ragazzo che sta vivendo qualche giorno con noi).

Tra sonorità nuove, delicate e profonde, è trascorsa una notte magica, scaldata sia dalle fiamme che dal ritmo dei nostri cuori vicini.

Mi rendo conto rileggendo queste righe che è impossibile per me/noi trasmettere e raccontare quello che spesso succede qui.

Incontri, scambi, sguardi, abbracci, attimi di pura semplicità che entrano dentro e coccolano ogni corda del nostro sentire.

Sembrano gesti quotidiani, a volte casuali, ma qui assumono un’intensità che mai avevo provato prima. L’autenticità con cui ci avvolgono non è affatto scontata e non è frutto del caso, ma della volontà di assaporare e godere del nostro tempo. Un tempo che abbiamo scelto e che stiamo creando, che non ha misurazioni ordinarie, ma che è fatto di vibrazioni, energie, emozioni.
E’ inquantificabile e proprio per questo meraviglioso e stupefacente.

Grazie a chi lo condivide con noi.
E’ un elemento imprescindibile di questa meraviglia.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

messaggio globale  italiano

Ultimi commenti

Katia
1 mese 8 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile Ciao Andrea, contatta Riccardo al 348 7830445, è lui che ...

Andrea
1 mese 8 giorni

Sarei felice di venire il prima possibile

guido
6 mesi 5 giorni

Ti ho conosciuta a TdV tempo fa e ci siamo...scontrati. Succede. Credo di essermi scontrato con quel ...

Seguici anche via email

* campi obbligatori