Le sorprese di Pasqua

yogadellarisataAnche la Pasqua è passata e ci ha lasciato il ricordo di tante nuove anime che hanno sfiorato le nostre.

Nei giorni appena trascorsi abbiamo ospitato diverse famiglie, giovani uomini e donne, molti dei quali con figli piccoli che hanno giocato con i nostri; sono aumentati rumore e caos dentro e fuori casa, ma soprattutto il suono dolce delle risate, delle corse divertite, delle chiacchiere fantasiose, come solo i bimbi sanno fare. E noi abbiamo goduto di ogni attimo.

Come sempre abbiamo sgobbato fin dai giorni prima… la gestione di eventi e accoglienza richiede sempre molto impegno e noi – ammettiamolo – non brilliamo di organizzazione. Corse a fare la spesa dell’ultimo minuto, spostamento di letti e traslochi di biancheria, riunioni a decidere quali attività proporre.. che poi la pioggia o un karaoke improvvisato hanno completamente stravolto.

E come sempre, in fondo, siamo orgogliosamente felici di poter dire che è andato tutto benissimo.

yoga2

Abbiamo ballato con la danzoterapia, rilassato il nostro corpo con lo yoga, impastato l’argilla con i bimbi per realizzare meravigliose creazioni (alcune direttamente sul tappeto del salotto, per la gioia di Gabriella!), riso fino alle lacrime con lo yoga della risata, passeggiato al primo timido sole di domenica e chiacchierato tutte le notti fino a ore improbabili, incapaci di fermare il flusso il parole, idee, emozioni e progetti.

Rispetto alle vacanze natalizie, quello che abbiamo osservato, già dalle prime prenotazioni, è la differente tipologia di persone interessate a passare qualche giorno con noi. Famiglie e non più singoli individui o coppie di amici come invece è successo in inverno. Forse la bella stagione, forse iniziamo a essere più conosciuti.. (speriamo!).. in ogni caso è stato interessante incontrare e relazionarci con giovani genitori.

ARGILLA

Soprattutto è stato incoraggiante e stimolante constatare come l’essere genitori abbia portato questi nuovi amici a porsi domande, a interrogarsi sul futuro e soprattutto su quello dei propri figli, a scegliere di muovere i primi passi in una direzione diversa per fare nuove scelte e liberarsi dai condizionamenti di una crisi economica e sociale che non lascia spazio alle opportunità, alla creatività e alle passioni. Scegliere di trascorrere le vacanze in Ecovillaggio non è stata una scelta “di moda”, ma un modo di conoscere e confrontarsi con chi queste domande se le è già fatte e ha trovato una propria risposta, consapevoli che questa strada non è quella giusta per tutti, ma che rappresenta comunque una realtà concreta e tangibile, che rinnova la speranza che cambiare e stare bene è possibile.

DANZA copiaAbbiamo parlato con tutti, a lungo; ognuno ha condiviso il proprio vissuto e le emozioni, le domande e le difficoltà, le speranze e i sogni. Ognuno ci ha donato qualcosa di profondo e significativo e speriamo di aver fatto altrettanto. Le testimonianze che ci hanno lasciato ce lo confermano e le rileggiamo con commossa gratitudine. Quando questi momenti finiscono e gli amici che abbiamo vissuto così intensamente anche solo per pochi giorni se ne vanno, resta in noi un mix di emozioni: da un lato la malinconia di ritrovarsi nuovamente “soli” (per quanto sia possibile qui, che di base siamo 8.. ma dove quasi ogni giorno arriva qualcuno a trovarci!), dall’altro la gioia e la speranza di aver messo un seme tra le mani di chi ha voglia di piantarlo e impegnarsi per far crescere il cambiamento.

RIDIAMO

 

Ora ci prepariamo al prossimo evento, al prossimo incontro, alla prossima condivisione. E lo facciamo con rinnovata convinzione che le relazioni, il confronto, l’azione consapevole e la solidarietà siano gli strumenti più utili alla creazione del mondo che vorremmo per i nostri figli.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

Tags: vivere insieme, relazioni, cambiamento

messaggio globale  italiano

Ultimi commenti

guido
4 mesi 13 giorni

Ti ho conosciuta a TdV tempo fa e ci siamo...scontrati. Succede. Credo di essermi scontrato con quel ...

gioia
4 mesi 13 giorni

AUGURONI GABRIELLA e grazie per queste meravigliose considerazioni che voglio assolutamente tenere i ...

Anatolia
5 mesi 17 giorni

Bella questa condivisione, che non esclude nessuna emozione e la ridona indietro a chi guarda e asco ...

Seguici anche via email

* campi obbligatori