Manitonquat ha cambiato la mia vita.. per sempre

Nei miei 65 anni di vita ho incontrato migliaia di persone tutte stupende, ognuna di loro mi ha lasciato qualcosa che ha arricchito il mio cammino.
Nei momenti di difficoltà, proprio quando è così difficile uscire affidandosi solo alle proprie forze, ho incontrato persone che mi hanno dato sostegno, aiutato, compreso e, dopo aver compiuto la loro missione, sono scomparse, si sono allontanate senza un motivo, è successo e basta.
Ho incontrato persone che mi hanno fatto vivere ore piacevoli, insegnato cose che non avevo mai fatto, mi hanno fatto ridere, regalato momenti di gioia, di intensa felicità e stupore. E‘ durato solo per poco!

story manitonquat primopianoE poi, nel 2010, ho incontrato Manitonquat… attraverso i suoi libri, nel momento più importante della mia vita, la preparazione al cammino verso il cambiamento:
„Allora non sono pazza!“
Le sue parole mi hanno avvolto, mi hanno cullato nel sogno, mi hanno dato immagini vivide di ciò che volevo e come mi sentivo mentre vivevo il mio futuro immaginario, mi hanno fatto vedere che è possibile, mi hanno accompagnato verso la scelta, mi hanno mostrato la strada, mi hanno insegnato il come e il perchè, mi hanno fatto comprendere ciò che sentivo nel profondo e che non riuscivo a spiegare.

Così, ispirata alle parole (scritte) di Manitonquat sono nati Tempo di Vivere e la sua Vision:

„[...] Voglio iniziare da una piccola comunità che metta al centro l’essere umano. Una piccola comune intenzionale, dove tutto è condiviso, dove ‘do ciò che ho e ricevo ciò ci cui ho bisogno‘. Un modo di vivere che ci aiuti a essere più vicini tra noi, a prenderci cura l’uno dell’altro, delle nostre relazioni e delle nostre emozioni, a incoraggiarci a scoprire, a rendere manifesta la parte migliore che è in tutti noi, ad apprezzare le diversità, ad ascoltarci e a lavorare insieme per affrontare e risolvere i nostri problemi e a evitare di trasmettere ai nostri bambini molti degli schemi mentali che ci hanno oppresso da piccoli.“

"[...] La via del Cerchio non è una religione, nonostante la spiritualità sia una sua parte essenziale. Ma penso che sia il tempo di diffondere il suo messaggio nel mondo come stile di vita più liberatorio, stimolante, amorevole e umano; una Via per Vivere:“

Liberamente tratto da "Cambiare il Mondo" di Manitonquat
Parte della Vision di Tempo di Vivere

story manitonquat pensieriUn giorno, poco dopo natale 2015, quando Tempo di Vivere aveva già una „casa“.. una telefonata: „quelli della Via del Cerchio vogliono portare Manitonquat a Tempo di Vivere!“ „   Siiiiiii…!!!  Il sogno diventa realtà, le ultime parole del suo libro: „Mi ritrovo essere il nonno di molti villaggi di terre diverse e vorrei continuare a far crescere Cerchi e Comunità in tutto il mondo, spargendo semi di Cerchi.. finchè vivo!“

E così, pochi mesi dopo, Manitonquat è entrato nella mia vita, semplicemente e in modo prorompente!

Manitonquat è quella persona per sempre: mi ha insegnato ad amare andando oltre l’amore uomo-donna, mi ha trasmesso cose che hanno contribuito a darmi una base, le fondamenta per le scelte della mia vita e per la mia anima. Il mio compito è stato semplice, accettare questi insegnamenti e usare ciò che ho imparato al servizio di me stessa, della mia comunità e di chi ne ha bisogno, in tutte le altre relazioni e nei vari momenti della vita.

Quanta meraviglia!
Oggi Manitonquat sta percorrendo l’ultimo pezzo di strada in questa vita, sta camminando verso l’ultimo passaggio, verso il meritato riposo del corpo e della mente e lascia a noi, oltre al suo spirito che ci sostiene, la sua eredità:

"Io credo che sia arrivato il tempo di iniziare la trasformazione della società, ritirando le nostre energie dal sistema e creandone uno alternativo che valorizzi la nostra umanità, il nostro amore, la compassione e la gioia in ognuno di noi e nel creare, lavorare e giocare insieme. Creare una comunità che possa offrire qualsiasi cosa ognuno di noi abbia bisogno e accogliere qualsiasi persona che voglia realizzare il sogno in cui crede.
Non ho una ricetta per cambiare il Mondo, ma so che l'idea deve venire da tutti noi. La forma che useremo deve provvedere a renderci vicini l'un l'altro, come eguali, ad ascoltarci e sostenerci, a cooperare e creare insieme il nostro sogno comune.
Possibile? Come dico sempre:

“Insieme non c'è niente che non possiamo fare”.

Manitonquat

… e ora tocca a noi Tutti, a ognuno di Noi, a noi di Tempo di Vivere, a Me, portare avanti ciò che Lui ha cominciato, continuare a diffondere la Via del Cerchio, a contaminare sempre più persone, come ha fatto lui e fare in modo che nulla del suo dono vada perduto.
Story ci ha sostenuto, insegnato e aiutato con la sua presenza, la sua esperienza e col suo amore, la sua semplice saggezza, con la sua umanità e ora noi ci facciamo portatori delle sue parole

Siamo disponibili a insegnare la Via del Cerchio ad ogni gruppo o comunità che ne comprenda il senso, l’importanza, l‘utilità e ne faccia richiesta.

Ma, oltre a questo intento, ho un altro sogno da realizzare, una mission più grande, voglio camminare ancora e, come parte di una comunità intenzionale, voglio-vogliamo costruire un Villaggio fondato sulla Via del Cerchio.
La chiarezza di intenti è il punto di inizio da cui non si può prescindere e questa prende vita e forza se è sostenuta da un agito, una missione.

"Abbiamo bisogno di incominciare adesso. Dobbiamo smettere di desiderare e sperare, e incominciare davvero. Sappiamo tutto quello di cui abbiamo bisogno per partire. Dobbiamo cominciare dal piccolo ma con lo spazio per crescere e con lo sguardo rivolto al futuro. Abbiamo avuto esperienze con famiglie, famiglie allargate e piccole comunità ed ha funzionato. Dobbiamo continuare a fare progetti e far crescere le nostre comunità in villaggi, veri villaggi che offrono tutti i vantaggi della vita del Villaggio. 

La visione di tanti Villaggi fondati sulla Via del Cerchio è ancora distante dalla completa realizzazione, c’è ancora molto cammino da fare ma, oggi, possiamo decidere quali saranno i prossimi passi e cominciare a farli, uno alla volta! "

Manitonquat

Questo grande progetto aleggia nell’aria che respira Tempo di Vivere da tanti anni.
Siamo pronti? NO
Ma quando penseremo di essere veramente pronti?
Lo saremo mai?
E allora, mentre guardiamo indietro, con orgoglio, a ciò che abbiamo costruito, ritorniamo al punto di partenza e ripercorriamo la strada che abbiamo fatto: eravamo pronti allora? NO
I primi anni sono stati un disastro, nelle relazioni soprattutto, ma gli intenti sono stati quel faro che ci ha indicato la rotta, anche quando eravamo persi in mezzo alla tempesta di emozioni, paure, cadute rovinose e dolorose, messa in discussione di tutto, perdite, tradimenti e abbandoni, dolori strazianti… la nostra Vision ci ha guidati.

viadelcerchio 2017 campo distruttoPoi, agosto 2017… a solo 20 ore dall’inizio del campo con Manitonquat, una bomba d’acqua… la distruzione di tutte le strutture appena ricostruite dopo la tromba d’aria del luglio 2017, in un attimo distrutti tutti i nostri sforzi e gli entusiasmi e poi… il miracolo: il campo ricostruito in 5 ore grazie alla collaborazione di tutto Cerchio, oltre 100 persone che si muovono insieme, unite da un’unica forza: l’amore e le parole:

„Tutto questo è potuto succedere
perchè Voi siete una comunità, vera!“,

Oggi, luglio 2018… le parole di Ellika risuonano nella mente, ci danno sostegno e forza, e si uniscono alla luce di Story e al suo Spirito che ci Guida.

Oggi ‚casa è in un altro luogo che, dopo le disavventure dello scorso anno, ci ha accolto, ci ha aperto le porte, ci ha permesso di continuare il nostro cammino e sopratutto, ci ha aperto le porte del cuore a nuove possibilità ed energie.

tempodivivere fabrizio gabriele pingpong sostegnoQui tutto sta accadendo, il cambiamento è continuo, la legge dell’attrazione è potente e cose meravigliose accadono: nuove collaborazioni, tanti giovani che vengono a fare esperienza e decidono di fermarsi a lungo, adolescenti che scelgono un nuovo modo di vivere, amici che si avvicinano, il contatto con la disabilità e la diversità che ci permette di imparare, evolvere e arricchirci, un bimbo/a nasce, la comunità cresce e… a piccoli passi il Villaggio della Via del Cerchio prende forma.

Un seme si era riposto nel cuore di Story e inizia a germogliare in noi!

Questo senso di cambiamento, di inizio, di nascita, mi fa riflettere.
Il sole è forte ma l’aria qui è fresca, eppure gli abitanti, in passato, hanno abbandonato questi luoghi, il panorama è stupendo, la natura rigogliosa come un diamante grezzo ansioso di essere trasformato.

Molte persone hanno così tanta difficoltà a realizzare ciò che vogliono, a vivere la vita che desiderano. Si perdono nel lavoro, nella frenesia delle giornate, alla ricerca del denaro e questo li porta spesso a perdere le relazioni e a sentirsi soli. Tutto ciò accade sia vivendo una situazione difficile ma anche una di apparente agio. In testa risuona quella vocina che dice che manca qualcosa.

È la stessa sensazione che ho provato anch’io, poco tempo fa. Sentivo che qualcosa mi mancava per muovermi, per andare avanti, per fare un nuovo passo, una sensazione che tendevo a scacciare, ad ignorare, perché alla fine mi dicevo: ma cosa vuoi di più, non c’è niente che non va?
Allora mi sono fermata.
Ho compreso che ciò che provavo era il ‘solletico’ del cambiamento che, ogni volta, mi ricorda che mi trovo a un punto di svolta, che mi avverte prima che arrivi lo stallo, che mi aiuta a trasformarmi, a crescere, a evolvere, a camminare. E spesso mi dice anche che forse è il momento di fermarmi, osservare e di ascoltarmi.
Perché, spesso, siamo così presi da ciò che facciamo e che ci piace, che non siamo più presenti a noi, non poniamo più attenzione al qui e ora e rischiamo di diventare spettatori di un film che scorre, senza far nulla per cambiarne la trama. E’ il momento in cui bisogna premere il tasto pausa, fermarsi, osservare e ascoltare.

Story manitonquat ombraEd è stato così per me: “Story è malato, Story non sarà qui con noi!

E’ arrivato il momento di decidere insieme, il momento di creare, di re-invetarsi, di avere nuove idee, di sperimentare, di camminare, di scoprire quale nuovo tassello aggiungere.
Grazie a ciò che la vita ci dona, a tutto il supporto e l’amore che riceviamo, al lavoro che facciamo insieme e… alla forzata o necessaria assenza di Story… il nuovo progetto lentamente sta prendendo vita, muove i primi passi e sta iniziando a premere, dolcemente, sul pedale dell’acceleratore per mettersi in moto.

Un grande progetto per noi e per tutte quelle persone che desiderano il cambiamento, che vogliono vivere, che decidono di essere parte di un progetto più grande, di essere parte di un sogno di vita, di essere parte integrante della Grande Famiglia della Via del Cerchio.

Creare un luogo interculturale di relazione, di incontro tra generazioni, fondato sulla via del cerchio, che mette al centro l’essere umano, nel rispetto di ogni forma di vita e di Madre Terra.
Uno spazio di pace e ben-essere; un modo di vivere dove c’è ancora Tempo per Vivere, per incontrarsi, per stare insieme; dove bambini, adolescenti e giovani possano auto realizzarsi nella loro umanità, senza contrizioni o condizionamenti, vivendo accettazione e amore incondizionati e abbiano spazio per correre, giocare, conoscere se stessi nella loro unicità, rispettarsi e sentirsi rispettati; dove gli ultrasessantenni possano sentirsi utili e parte, liberi e felici di donare la loro esperienza e vivere la loro età come momento speciale; dove la disabilità sia vista come un dono, sia vissuta come insegnamento di nuovi modi di comunicare, di non giudizio, di amore a prescindere; dove i genitori si sentano sostenuti nel loro meraviglioso e oneroso compito; dove persone che, nella precedente vita, hanno commesso errori (ex carcerati) possano avere la possibilità di riscattarsi e di far emergere la loro dimenticata umanità; dove profughi trovino asilo e casa, dove ognuno incontri amore e rispetto e possa sentirsi parte utile, importante, essenziale e insostituibile e respiri il senso di sicurezza e appartenenza che merita..

dove amore non è una parola ma un’esperienza che si vive,
un’atmosfera che si respira, un’essenza che ti avvolge.

I valori sui quali basiamo il nostro progetto sono rispetto, semplicità, amore, fiducia, umiltà, equità, solidarietà, reciprocità, consapevolezza, creatività, gioia, accoglienza della diversità, volontà di responsabilizzarsi e mettersi in gioco per il cambiamento.

Un tempo Tempo di Vivere non esisteva e oggi, guardandomi indietro, mi sembra straordinario quanto abbiamo realizzato insieme in così poco tempo e dove stiamo andando, i nuovi passi, un nuovo inizio per noi, un ponte di passaggio per tanti… single, coppie, famiglie, genitori,bambini, adolescenti, giovani, anziani, disabili e…

“Dobbiamo cominciare. Il tempo è arrivato. Non dobbiamo rimandare oltre. Possiamo farlo”.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed
Pin It

Pubblicato in Blog di Gabriella Oliva

Tags: vivere insieme, relazioni, cambiamento

Aggiungi commento

Accetto il trattamento dei dati




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Seguici anche via email

* campi obbligatori