Oleolito di Iperico, alleato della cute

24 Giugno, San Giovanni, la notte delle streghe... il momento ideale per dedicarsi a pratiche rituali antiche, che ci riconnettono con il nostro sentire. E anche il momento tradizionale per raccogliere l'iperico e farne un meraviglioso oleolito, potente alleato per la nostra cute.

Iperico5L'olio di Iperico è una preparazione ottenuta dalla macerazione in olio vegetale della parte area (fiori, boccioli) della pianta. Ha proprietà lenitive, cicatrizzanti, emollienti, antisettiche e antinfiammatorie. Viene largamente utilizzato in particolare sulle scottature o piccole ustioni. Attenzione però a non esporsi al sole dopo il suo utilizzo, perché fotosensibile.

La sua preparazione è semplicissima.

Con un bel cestino, passeggiate al sole alla ricerca della pianta dai bellissimi fiori gialli che spiccano nel prato. Raccoglietene quanti riuscite. Una volta a casa, tenete le cime fiorite, e ancora fresche ponetele in un recipiente dal tappo ermetico. Schiacciatele un po' e ricoprite il tutto con olio vegetale (noi abbiamo usato olio d'oliva bio o olio di semi di mais bio). Ricoprite fino a totale copertura. I più precisi suggeriscono una proporzione fiori/olio di 25/100, noi abbiamo usato il "metodo della nonna" e abbiamo semplicemente riempito fino all'orlo.

Iperico4Una volta chiuso il vasetto, tenerlo alla luce del sole (anche non diretta) per circa un mese. Agitarlo di tanto in tanto. Man mano l'olio assumerà una splendida colorazione rossa. Una volta pronta, filtratelo e conservatelo al buio. 

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Salute Consapevole

messaggio globale  italiano

Seguici anche via email

* campi obbligatori