E poi arrivano loro... Rex e Brill

Settembre 2017, Calenzano

ricordo ancora quando siamo a venuti a vedere quella che poi sarebbe diventata la nostra nuova casa dopo i devastanti eventi di luglio a Marano.

Ad accoglierci il signor Pietro, il nostro vicino di casa, e i suoi due cani, Rex (un cucciolo di 2 anni, incrocio con un pastore tedesco, esuberante e coccolone) e Brill (meticcio adulto di origini incerte, un po' schivo e con gli atteggiamenti tipici di un cane che non ha avuto un passato felice).

Pietro era un omino di quasi 80 anni, vivace, attivo, amante del buon vino e dall'aspetto burbero tipico dei montanari solitari. Ci ha accolti subito con gioia e affetto, mostrando un'apertura e una generosità che ci ha fatto sentire di essere finalmente arrivati a casa.

Pietro era il nostro più caro amico e sostenitore, il lunedì approfittava del nostro passaggio in auto per scendere al mercato del paese. Smessi gli abiti da lavoro impolverati e sporchi di terra, ci aspettava pulito e pettinato nel suo cappotto buono per andare a fare il suo giro settimanale. Per il rientro però preferiva aspettare il pulmino di Gianni; noi ci accorgevamo del suo ritorno per l'echeggiare del richiamo "Reeeeeeesss...", come sempre fuggito al galoppo in giro per i monti.

Pietro era un vecchio solitario che aveva scelto di donare amore proprio a noi, gruppo di bislacchi semicittadini, atterrati di colpo nel suo mondo. Lui è stato il primo a guardarci con dolcezza e non con la diffidenza tipica di chi è abituato a vivere in una frazione che conta in tutto 10 residenti e vede arrivare un'orda di pseudo-hippies che raddoppia la popolazione in meno di mezzora.

Pietro è stata la persona che ci ha tolto la paura di avere dei vicini di casa.

Pietro era il caffè corretto nel suo cucinotto alle 9 di mattina e la tavoletta di cioccolato passata di nascosto a Isotta, Pietro era i piccoli doni fatti col cuore, il liquore di prugnolo casalingo, le mani ruvide e lo sguardo profondo di chi scopre di potersi fidare di nuovo.

Pietro era questo e tanto altro...

Ci ha lasciati la notte tra il 2 e 3 giugno del 2019, dopo 6 mesi di ospedale e sofferenza vissuti con la dignità degna di un lord. Quando lo andavo a trovare lo trovavo seduto sul letto della sua camera, orgoglioso per non aver perso i suoi bei capelli brizzolati nonostante le terapie, voglioso di tornare a casa dai suoi cani che, con fiducia, ci aveva affidato.

Brill selfieQualche mese prima, la cugina aveva portato Rex a vivere da lei in città, lasciando qui un Brill confuso, solo e malconcio. Dopo la morte del vecchio, ci ha permesso di continuare a entrare per portare la pappa al cagnolino che abitava ancora nel cortile e nel box che erano stati del nostro amato vicino e che ora lei aveva ereditato. Le cose sono andate avanti così fino a novembre, poi a un certo punto ci ha comunicato che la bestiola sarebbe stata portata in canile.

Brill stava male, il muso completamente spelato fino a metà testa, zoppicava. Una mattina lo abbiamo ritrovato immobile nel nostro magazzino, alzava a malapena la testa, aveva la febbre e non ce l'abbiamo più fatta a stare fermi a guardare.

Non c'è stato nemmeno bisogno di decidere in cerchio: era il cane del signor Pietro e lo avremmo tenuto noi!!!

Lo abbiamo portato dal veterinario, rimesso in sesto, e lui ci ha mostrato la stessa natura coriacea del suo amico a due zampe.

Brill ha mantenuto il suo carattere schivo e diffidente per tanti mesi, nonostante le cure e l'affetto di tutti noi, soprattutto del nostro dodicenne.

Rex selfieA giugno 2020, alla fine del lockdown, i cugini del nostro vicino ci hanno comunicato che non erano più in grado di gestire Rex e che, se non lo avessimo preso noi, gli avrebbero cercato una nuova famiglia.

In quel periodo mio figlio aveva iniziato a desiderare un altro cane, avrebbe voluto un cucciolo, ma appena appresa la notizia non ha avuto alcun dubbio: voleva Rex!

Ha chiesto di partecipare a una riunione organizzativa per portarci la sua richiesta e le sue proposte. Gli avevamo detto che avrebbe avuto un altro animale solo nel momento in cui avesse imparato ad accudire quelli già in comunità e con la sua dedizione a Brill ci aveva ampiamente dimostrato non solo di essere un "uomo di parola", ma di avere una costanza e un senso di responsabilità rari per un ragazzino della sua età. Abbiamo analizzato insieme oneri e criticità dell'avere due cani e, ancora insieme, abbiamo messo giù un progetto che permettesse alla bestiola un avvicinamento graduale e meno traumatico possibile.

Non abbiamo mai pensato di avere dei cani (troppo impegnativi, troppo onerosi, troppo bisognosi di cure)... ma l'amore incondizionato per un caro amico, la nostra unione e un preadolescente di rara presenza, ci hanno fatto cambiare idea... ed è così che è iniziata l'avventura con i nostri CAN-MUNARDI!

Ora la comunità si è allargata di due nuovi membri, un po' pelosi, ma tanto tanto tanto affettuosi :-)

Alla prossima per nuovi racconti sui nostri Rex e Brill!

 

 

 

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed Pin It

Pubblicato in Cronache dall'ecovillaggio

messaggio globale  italiano

Ultimi commenti

Federica
25 giorni 14 ore

Buonasera, vorrei chiedere info su come funziona la realtà degli ecovillaggi. Avrei intenzione dura ...

Stefano
2 mesi 1 giorno

Complimenti! Siete fantastici. Stiamo attuando un progetto molto simile al vostro... ed anche nel no ...

Marco Greco
3 mesi 11 giorni

Ciao fra 1 ora compio 30 anni 🤣 volevo fare una breve esperienza di vita in un ecovillaggio, come ...

Seguici anche via email